Al via il nuovo progetto occupazionale BIM Adige-SOVA

Venerdì, 29 Maggio 2020 14:28:00

Stanziati oltre 3 milioni di euro per creare lavoro e valorizzare il territorio.

La sinergia tra BIM Adige, Agenzia del Lavoro e Servizio per il Sostegno Occupazionale e la Valorizzazione Ambientale (SOVA) della Provincia autonoma di Trento continua e per il quarto anno consecutivo prende avvio il progetto che favorisce l’inserimento lavorativo di persone disoccupate da impiegare in attività di sostegno per i comuni e la collettività. Anche quest’anno infatti, il piano straordinario di sostegno occupazionale prevede l’impiego dei cittadini disoccupati in attività di manutenzione del verde e nell’ambito dei servizi.

Le assunzioni dei lavoratori avranno una durata di 4 mesi e una settimana, la quale potrà essere modificata (non meno di 2 mesi e non più di 6 mesi) in base a necessità adeguatamente motivate nei diversi progetti territoriali. Vi sarà inoltre la possibilità di assunzione con contratti part time al 70%.

Gli interventi saranno orientati in progetti di livello sovracomunale e i lavoratori saranno assunti con contratti SCAU nell’ambito delle manutenzioni del verde e con contratti INPS nell’ambito delle attività di servizi. I lavoratori SCAU si occuperanno principalmente di lavorazioni quali riparazioni staccionate e arredi in legno, taglio erba e pulizia delle aree verdi, raccolta delle ramaglie e altre piccole sistemazioni. I lavoratori INPS saranno impiegati in servizi di assistenza, custodia e sorveglianza all’interno di musei, biblioteche, siti di interesse paesaggistico e turistico, centri educativi e culturali gestiti da Enti locali, centri visitatori di aree naturalistiche e faunistiche, in attività di front office e gestione archivi e in indagini in campo ecologico-ambientale orientate al risparmio energetico, all’agricoltura e alle reti idriche.

Il progetto occupazione, con la sua quarta edizione, supererà la soglia dei 1.000 lavoratori impiegati, dei quali oltre un terzo è di età inferiore ai 35 anni.

L’inizio delle attività è previsto entro la metà di giugno 2020.