Criteri Ambientali Minimi per l'edilizia pubblica, un manuale per applicarli al meglio

Giovedì, 02 Maggio 2019 11:26:00

Realizzato nell’ambito del progetto europeo LIFE PREPAIR, di cui la Provincia autonoma di Trento è partner, è ora disponibile un manuale dedicato all’applicazione dei criteri ambientali minimi (CAM) per l’edilizia pubblica.

L’edilizia è un settore che ha un elevato impatto sull’ambiente durante il suo intero ciclo di vita. Nei Paesi dell’UE il settore residenziale e dell’edilizia è responsabile di una quota compresa tra il 20% e il 35% degli impatti ambientali totali causati dai consumi umani, percentuali calcolate secondo la metodologia dell’analisi del ciclo di vita (in inglese “life cycle assessment”). Se si considerano gli aspetti energetici, la fase d’utilizzo degli edifici è quella che genera gli impatti più rilevanti, connessi al riscaldamento e ai consumi elettrici, seguita dai lavori strutturali di costruzione, manutenzione e demolizione (JRC-IPTS, 2006; Tukker e Jansen, 2008).

I criteri ambientali minimi per l’edilizia pubblica (CAM edilizia), adottati con DM 24 dicembre 2015, aggiornato all’11 ottobre 2017 (GU del 6.11.2017 n.259), consentono di migliorare le prestazioni ambientali dell’intero processo edilizio, dalla progettazione alla costruzione, intervenendo sugli aspetti ambientali più impattanti: dal consumo di materie prime non rinnovabili, al consumo e degrado di suolo, ai consumi energetici e idrici, fino alla produzione di rifiuti.

Il “Manuale operativo per gli acquisti verdi: progettazione realizzazione e ristrutturazione di edifici con criteri di sostenibilità” è stato realizzato nell’ambito delle attività di diffusione del Green Public Procurement (Acquisti Verdi Pubblici) promosse dal progetto europeo LIFE PREPAIR (Po Regions Engaged to Policies of AIR), anche grazie al contributo della Provincia autonoma di Trento, che è partner del progetto. Il Manuale si rivolge principalmente alle stazioni appaltanti, tenute all’applicazione dei CAM edilizia ai sensi del Codice degli Appalti (D. Lgs. 50/2016 e s.m.i.), ma anche ai progettisti, con lo scopo di facilitare la corretta applicazione dei CAM edilizia medesimi e di fornire uno strumento snello e operativo a entrambe le categorie.

La prima parte del documento contiene le disposizioni introdotte dal Codice degli Appalti per rendere “verde” una procedura di gara; la seconda parte comprende una sintesi e le indicazioni operative per le stazioni appaltanti, allo scopo di illustrare al meglio l’ambito di applicazione dei CAM edilizia, i contenuti specifici di ciascuno dei numerosi requisiti e i mezzi di prova ammessi per accertarne la conformità; di grande utilità, infine, la sezione dedicata alle certificazioni che il DM considera quali mezzi di prova della conformità a numerosi criteri ambientali.

Grazie all’ausilio di un’impaginazione agile e ariosa e all’utilizzo di una legenda che ricorre a simboli di facile comprensione, nonché alla presenza di box tematici, tabelle sinottiche e schemi esemplificativi, il Manuale è uno strumento accessibile e accattivante che rende finalmente molto chiara e più semplice l’applicazione dei CAM edilizia.

Il Manuale è il primo di una serie di pubblicazioni dedicate all’applicazione dei CAM che saranno realizzate nell’ambito del progetto LIFE PREPAIR: il prossimo tratterà l’applicazione dei CAM per i servizi energetici. Il Manuale può essere scaricato in formato elettronico dal sito web del Progetto PREPAIR o reperito in formato cartaceo presso la sede di Consorzio Lavoro Ambiente (via al Maso Visintainer 10 - Trento).

 

http://www.lifeprepair.eu/index.php/2018/11/09/appalti-verdi-dedicato-all-edilizia-il-primo-manuale-della-collana-di-prepair/