Progetto europeo Greencycle, firmato il Manifesto sull’Economia Circolare

Martedì, 03 Dicembre 2019 09:06:00

L’obiettivo del documento è di avvicinare autorità pubbliche e privati per rafforzare l’economia circolare nello Spazio Alpino.

Il progetto europeo Interreg Alpine Space Greencycle, che coinvolge il Servizio Urbanistica e Ambiente del Comune di Trento e Trentino Digitale Spa, nasce per promuovere iniziative nel campo dell’economia circolare volte a valorizzare le risorse del territorio e la riduzione degli sprechi. Oltre alla compagine trentina, al progetto europeo partecipano anche le municipalità di Friburgo (Germania), Maribor (Slovenia), Vienne Condrieu Agglomeration (Francia) e Vorau (Austria).

Il Manifesto sull’Economia Circolare ha l’obiettivo di creare un dialogo costruttivo e di far nascere una rete locale per rafforzare la transizione verso un’economia circolare. Oltre a CLA, firmatari del manifesto sono numerose altre realtà private e pubbliche del Trentino.

In seguito sono elencati i 12 principi chiave contenuti nel manifesto e necessari a sostenere la transizione verso l’economia circolare:

  1. Inserire ed attuare i principi dell’economia circolare nelle politiche per abilitare la transizione a livello locale verso l’economia circolare come modello maggiormente sostenibile e efficiente nell’uso delle risorse
  2. Puntare verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU focalizzandosi su consumo e produzione responsabile e azioni per il clima
  3. Supportare la creazione di una rete transnazionale con istituzioni che cooperano nel settore dell’economia circolare
  4. Sostenere la cooperazione multi-settore, incoraggiare la società civile, le imprese ONGs per formulare iniziative di economia circolare
  5. Guidare con il proprio esempio, nella propria istituzione, incoraggiando il cambiamento culturale verso l’economia circolare
  6. Educare i cittadini al “ripensamento sul concetto di rifiuto” per incoraggiare la prevenzione, la riparazione, il riuso e la migliore differenziazione
  7. Promuovere prodotti circolari facili da condividere, facili da affittare, facili da riutilizzare, facili da riparare, facili da riprocessare e riciclare
  8. Promuovere modelli di consumo sostenibili per evitare i rifiuti alimentari, i rifiuti di prodotto e la perdita inutile di energia
  9. Supportare la ricerca, l’innovazione e la qualificazione professionale in modo da diffondere l’economia circolare
  10. Attuazione di incentivi finanziari per promuovere la transizione a un’economia più circolare
  11. Investire in infrastrutture che permettono la circolazione dei materiali e delle risorse e investire in smart grid e energia rinnovabili
  12. Monitorare e misurare i flussi di materiali, rifiuti e energia e chiudere i processi